Formazione insegnanti - Associazione Culturale Alfabeto del Mondo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Formazione insegnanti

Menù principale > Corsi speciali

ELENCO CORSI DISPONIBILI


indice
tipologia di corsi disponibili
corso numero 1 Insegnare una lingua
corso numero 2 stragegie per l'insegnamento
corso numero 3 il metodo Acam
corso numero 4 Corsi di sopravvivenza: lezioni specifiche di lingua, per studenti
interessati a sopravvivere all’estero.
Corso numero 5 L’insegnamento attraverso l’attività pratica ed il gioco.
sede: Via Eleonora d'Arborea 10 primo piano.

destinatari:

  • insegnanti di lingue

  • persone interessate a diventarlo

  • mediatori interculturali

I partecipanti riceveranno un ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE a colori per ogni
corso frequentato.
corso gratuito per:

  • soci di Alfabeto del Mondo

  • Tirocinanti di Alfabeto del Mondo

  • studenti iscritti al corso di mediatore linguistico ed interculturale

  • persone socialmente svantaggiate segnalate dai servizi sociali

Gli esterni devono versare una donazione per supportare l'Associazione (minimo
€ 30,00)

ISCRIZIONE

  • via mail a info@alfabetodelmondo.it

  • in segreteria (verificare orari sul sito www.alfabetodelmondo.it

  • le iscrizioni saranno accolte in base all'ordine di arrivo fino alla capienza disponibile docenti:

Silvana Moncelsi
Maria Grazia Putzolu
Maria Eugenia Maxia
Eleonora Giardino

corso numero 1 FORMAZIONE PER INSEGNANTI DI LINGUE
DATA: SABATO data da stabilire ore 8,30-13,30
sede: Via Eleonora d'Arborea 10 primo piano.
durata 5 ore
Insegnante: dott.ssa Silvana Moncelsi

PROGRAMMA
Insegnare una lingua: come e cosa si puo’ insegnare.
Parliamo di strumenti, metodi e strategie che si possono usare per insegnare una lingua straniera.
Il corso copre argomenti come: Cosa vogliamo ottenere dall’insegnare;
insegnamento e apprendimento dei vocaboli; ascolto; comprensione; produzione orale e scritta; struttura grammaticale e sintattica; dettato; traduzione; correzione;
materiale didattico e di supporto.
Prerequisiti per partecipare: nessuno
CORSO NUMERO 2 FORMAZIONE PER INSEGNANTI DI LINGUE
(BASATO SU TRE MODULI)
primo modulo: 26 GENNAIO 2013

PROGRAMMA
strategie per l'insegnamento
1. elementi basilari di didattica e di comunicazione
2. come rendere una lezione efficace ed interessante.
3. alcune tecniche per organizzare una lezione di conversazione.
4. verifiche
5. sussidi didattici e di supporto
secondo modulo
Data sabato 9 marzo 2013 dalle 9 alle 11
Si raccomanda la massima puntualità!!! non saranno ammessi in classe gli arrivi successivi alle ore 9,10.
Durata 2,00 ore
Insegnante: Prof.ssa Maria Grazia Putzolu
destinatari:

  • insegnanti

  • persone che hanno già frequentato il primo modulo

PROGRAMMA
strategie e tecniche per la comunicazione.
6. Tecniche di respirazione e rilassamento
7. come controllare le emozioni
8. ginnastica oculare per migliorare il visus
9. linguaggio corporeo
10. tecniche di comunicazione
terzo modulo (data da stabilire)
l'insegnamento dell'italiano agli stranieri
corso numero 3 FORMAZIONE PER INSEGNANTI DI LINGUE
titolo: il metodo ACAM STRATEGIE SPERIMENTALI DI APPRENDIMENTO
DATA: da stabilire
ORARIO: dalle h. 11 alle h. 13
DURATA: 2 h
SCOPO: Condividere nuove strategie d’insegnamento
TIPOLOGIA: 1h teorica; 1h pratica
Docente: Dott.ssa Maria Eugenia Maxia – Presidente di Alfabeto del Mondo

Premessa
Questo metodo è stato studiato per insegnare a leggere e a scrivere ai bambini di tre anni ed è particolarmente adatto per l'insegnamento a bambini con difficoltà di apprendimento o dislessici.
Al momento la nostra Associazione sta sperimentando il metodo per l'insegnamento dell'italiano a persone analfabete (ma non solo) di qualsiasi età, sia italiane che straniere e per l'insegnamento delle lingue straniere agli italiani.
Questo metodo può essere utilizzato anche per persone che sono analfabete anche nella loro lingua di origine.
Una versione specifica del metodo può essere utilizzata, in aggiunta ai metodi tradizionali, per l'insegnamento dell'italiano a livelli elementare, intermedio e avanzato. Il metodo può essere applicato per l'insegnamento di qualsiasi lingua ed è particolarmente adatto per l'insegnamento del cinese e del giapponese.

I VANTAGGI DEL METODO ACAM
L'utilizzo del metodo offre i seguenti vantaggi:

  • La velocità con cui si apprende a leggere e a scrivere (generalmente sono sufficienti 2 settimane con un impegno medio giornaliero di due ore) o poiché la metodologia è “ludica” lo studente apprende in maniera spontanea, naturale e divertente.

  • La lezione è interattiva. Lo studente è parte attiva, partecipe. Si utilizzano tre sensi:

vista, udito, tatto, ovvero il movimento labiale. Questo contribuisce a migliorare e facilitare l'apprendimento.

  • È particolarmente indicato per i soggetti dislessici.

  • Evita gli errori dovuti alla diversa pronuncia delle lettere nella lingua d'origine. Infatti lo straniero impara direttamente la parola così come viene pronunciata in italiano.

  • Si impara direttamente in italiano. Non si ha quindi il problema di tradurre nella lingua d'origine.

  • La metodologia è adatta per tutte le età, a partire dai tre anni.

  • Il materiale didattico può essere realizzato anche con poca spesa o con materiale riciclato.

CORSO NUMERO 4 FORMAZIONE PER INSEGNANTI DI LINGUE
TITOLO: Corsi di sopravvivenza: lezioni specifiche di lingua, per studenti interessati a sopravvivere all’estero.
DATA: 23 marzo 2013
ORARIO: dalle h. 9 alle h. 12 (break di 15 min. alle ore 11)
DURATA: 2 h teoriche – 1h attività pratica
SCOPO: Condividere la nuova strategia d’insegnamento e apprendere le modalità di pianificazione del suddetto corso.
TIPOLOGIA: lezioni frontali con supporto multimediale – 1 h attività pratica
PARTECIPANTI: con o senza esperienza di insegnamento, Massimo 25 partecipanti.
DOCENTE: Eleonora Giardino
DESCRIZIONE: Ogni classe e ogni studente ha le proprie esigenze e aspettative. Uno dei compiti dell’insegnante è quello di soddisfarle: è questo che ha mosso l’Associazione Alfabeto del Mondo nel creare questo specifico tipo di corso, il corso di sopravvivenza. È una tipologia di insegnamento adatta a tutti gli studenti che non hanno mai avuto alcun rapporto con la lingua e che nell’immediato hanno una esigenza di recarsi all'estero o comunque di comunicare con persone che non parlano l'italiano.
Il corso è dedicato anche agli insegnanti e agli studenti che sono interessati a un diverso rapporto con la lingua, uno più strettamente legato al settore turistico/quotidiano, piuttosto che a uno prettamente scolastico e/o linguistico-grammaticale. Questo corso di formazione è diviso in due parti, la prima di lezioni frontali, dove verrà presentato il corso di sopravvivenza, verranno ascoltate le testimonianze e le impressioni di altri insegnanti che hanno adottato la tipologia in via sperimentale, e verranno discusse le strategie per la pianificazione di corsi simili, adatti alle lingue di materia di insegnamento.
L’ultima parte sarà incentrata nella pianificazione di un corso di sopravvivenza, mettendo in pratica quanto è stato discusso poco prima.

PROGRAMMA:
PARTE TEORICA:

  • Presentazione del corso di sopravvivenza

  • Visione di materiale multimediale

  • Discussione sulle strategie di pianificazione di un corso

PARTE PRATICA:

  • Pianificazione di un corso di sopravvivenza

  • Ricapitolazione e Feedback.

corso numero 5 FORMAZIONE PER INSEGNANTI DI LINGUE
TITOLO: L’insegnamento attraverso l’attività pratica ed il gioco.
DATA: 6 aprile 2013
ORARIO: dalle h. 9 alle h. 14 (break di 15 min. alle ore 11 e alle ore 13)
DURATA: 5 h
SCOPO: Condividere nuove strategie d’insegnamento e imparare a creare l’atmosfera e la giusta attività pratica per ogni tipo di classe/studente.
TIPOLOGIA: 1h teorica; 3h pratiche, 1h attività pratica e ricapitolazione.
PARTECIPANTI: con o senza esperienza di insegnamento, minimo 8 partecipanti, massimo 20.
docente : Eleonora Giardino.
DESCRIZIONE: Il corso è finalizzato a riscoprire le attività pratiche nell’insegnamento; il gioco per i bambini fino agli adolescenti, le attività pratiche per i giovani adulti fino agli adulti più maturi e di nuovo gioco per gli adulti che dentro si sentono come Peter Pan. Potremmo chiamare questo momento della lezione in moltissimi modi, senza però intaccare l’importanza fondamentale che ricopre. L’insegnamento ludico permette allo studente di immagazzinare un notevole carico di nozioni che normalmente non potrebbe assimilare in una lezione frontale, per quanto essa possa essere interessante ed accattivante. In questo corso, non solo vi saranno presentati dei giochi già pronti, utili da usare nelle vostre classi e con i vostri studenti, dei quali si potrà brevemente discutere i pro e i contro, ma sarà ampiamente discussa la questione dell’ambientazione classe: ogni attività ha bisogno della propria atmosfera ed ogni classe ha bisogno della propria specifica attività. Obiettivo di questo corso è di imparare a costruire un’attività pratica, un gioco, cercando di soddisfare il gruppo classe e le esigenze di apprendimento.

PROGRAMMA:
PARTE TEORICA:

  • Discussione: favorevoli al gioco? Quando è il momento di giocare e quando non lo è.

  • Analisi del gruppo classe: come capire se gli studenti sono pronti per l’attività pratica e quale potrebbe fare al caso loro.

  • Presentazioni di alcuni giochi e attività pratiche create nelle classi di Alfabeto del Mondo e visualizzazione di due o più cortometraggi.

  • L’importanza del feedback: chiaro, conciso & anonimo

PARTE PRATICA:
• Come meglio spiegare l’attività pratica, se non toccandola con mano?

  • Analisi di un ipotetico gruppo classe e preparazione di attività pratica

PARTE DI ATTIVITÀ PRATICA E DI RICAPITOLAZIONE:

  • Condivisione del lavoro dei singoli gruppi.

  • Discussione su alcune parti più significative dell’attività appena svolta e feedback.

  • Ricapitolazione sugli argomenti trattati e risposta ad eventuali domande/spazio per eventuali critiche/suggerimenti.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu